Tripletta di Cavani e il Napoli batte il Milan

Stampa
( 1 Vote )
Calcio - Stagione 2011 - 2012
Lunedì 19 Settembre 2011 13:13

cavaniIl miracolo di San Gennaro a Napoli è arrivato con un giorno d'anticipo. Nel posticipo serale giocato al San Paolo, il Napoli è uscito vincitore dalla sfida grazie a tre gol messi a segno da Cavani.

L'uruguaiano è alla sua quarta tripletta da quando è in Italia e con le reti messe a segno ieri, fa conquistare i tre punti alla sua squadra e spinge il Napoli verso la corsa allo scudetto. I partenopei reciteranno un ruolo da protagonista in campionato, ma dopo la bella vittoria contro il Milan è lo stesso presidente De Laurentiis a frenare gli entusiasmi. La stagione è ancora lunga e poi ci sono anche le coppe. Certo che, vedendo il Napoli di ieri sera, non si può provare una certa invidia per una squadra così solida, ben organizzata tatticamente e con un bel gioco. La sconfitta del Milan è parzialmente giustificata dalle defezioni di ieri sera. Questo però non cancella le pecche di un reparto difensivo reo di aver lasciato troppa libertà a Cavani e Lavezzi di muoversi nella propria area senza eccessivi problemi. E proprio la difesa rossonera è messa in discussione per i nove gol incassati in soli nove giorni. C'è qualcosa da rivedere nel reparto arretrato ed è proprio lì che l'allenatore dovrà lavorare di più.

Ma gli stessi problemi difensivi li hanno paventati anche altre squadre di serie A, come per esempio la Lazio. Oltre alle discutibili decisioni tecniche dell'allenatore, che fanno puntualmente infuriare la tifoseria biancoceleste sempre ai ferri corti con Reja, la sconfitta casalinga di ieri rimediata dal Genoa è figlia di tante incertezze difensive. La Lazio è considerata una delle pretendenti al titolo, una di quelle squadre che a giudizio degli addetti ai lavori si è rinforzata maggiormente. Ieri pomeriggio una parte di quella tifoseria fortemente critica nei confronti del suo allenatore, è sembrata aver ragione. Dopo il pareggio in trasferta con il Milan si erano spese troppe parole di elogio per la squadra capitolina. Forse è meglio parlare dopo una decina di giornate di campionato, perché sarà da lì che si comincerà a tirare un parziale bilancio. Anche se la bella vittoria di ieri sera del Napoli fa pensare alla formazione di Mazzarri come una possibile pretendete al titolo, è necessario aspettare qualche mese prima di dire che in questo campionato reciterà un ruolo da vera protagonista. Del resto la squadra partenopea ci ha abituato a vistosi cali dopo l'inizio della seconda parte di campionato.

Roma e Inter hanno dimostrato invece d'essere due squadre alla disperata ricerca di un'identità. Nell'anticipo di sabato Gasperini ha deciso di schierare la difesa a tre più per orgoglio personale che per altro, e gli è andata bene. L'allenatore nerazzurro continua a camminare su un filo che potrebbe spezzarsi da un momento all'altro. Andare contro squadra e presidente per dimostrare la propria forza, non è un segno di virilità calcistica. Anche il suo collega Luis Enrique ha avuto problemi con la tifoseria e la stampa, ma alla fine ha deciso saggiamente di recedere ad alcune richieste della piazza. Totti è diventato inamovibile e il suo gioco troppo spregiudicato ha assunto un assetto più difensivista. Del resto ci volevano sei gol presi contro PSG e Valencia più un'eliminazione in Europa League ai danni del modesto Slovan per capirlo.

E cosa dire della Juventus? Qualcuno afferma che ha un atteggiamento da provinciale e una praticità da grande squadra. Forse sta proprio nella modestia la forza della Juve di quest'anno. Una formazione con un gioco organico ed efficace, costruita bene e forte in tutti i reparti. Ma prima di affermare che reciterà un ruolo da protagonista in questo campionato insieme a Napoli e Milan, è ancora presto. Anche le partenze a razzo di Cagliari e Udinese potrebbero essere solamente dei fuochi di paglia, ma sognare non è un reato e un po' tutti noi ci auguriamo di vederle nelle zone alte della classifica per molto tempo.

starwars

Star Wars - Saga 9 Blu-ray

Harrison Ford 

Vuoi la consegna garantita entro mercoledì 21 settembre? 
Ordina entro 22 ore e 3 minuti e scegli la spedizione 1 giorno
Dettagli