Osvaldo il bomber della Roma

Stampa
( 1 Vote )
Calcio - Stagione 2011 - 2012
Lunedì 26 Settembre 2011 20:32

osvaldo-mitragliaL'uomo copertina di oggi non può che essere Osvaldo, il bomber italo-argentino comprato dall'Espanyol e pagato ben 18 milioni di euro. Un investimento importante che aveva suscitato anche molte critiche da parte dei tifosi della Roma.

Con quei soldi, aveva detto qualcuno, si poteva prendere Palacio o aggiudicarsi Alvarez poi finito all'Inter. E le prime uscite incolori del giocatore avevano fatto andare su tutte le furie la tifoseria capitolina, tanto da far riconsiderare seriamente le capacità organizzative di Sabatini e di tutto l'entourage societario. Ma il calcio si sa è strano, e da un momento all'altro le certezze acquisite possono cambiare radicalmente. Osvaldo ha dimostrato sul campo di non essere per niente quel ragazzino di qualche anno fa, quello che deluse le attese della tifoseria viola. La curva fiesole vedeva in lui infatti il nuovo Batistuta. Ma dell'indimenticato Re Leone, Osvaldo, ha mostrato ai suoi ex tifosi solamente il gesto della mitraglia e per giunta in pochissime occasioni. Nella Roma la musica è cambiata forse perché anche il giocatore è cambiato nel corso degli anni. Dopo le quattro stagioni in Italia tutt'altro che esaltanti, l'attaccante argentino è andato a cercare fortuna in Spagna trovandola con l'Espanyol. Nella passata stagione è arrivata l'esplosione con venti gol messi a segno nella Liga. Il suo nome è finito accanto a quelli di Messi e Cristiano Ronaldo. A Luis Enrique bisogna riconoscere il merito di aver segnalato il giocatore a Sabatini e al direttore sportivo quello di averlo voluto a tutti i costi. Anche se il giocatore ha ancora tutto da dimostrare, l'inizio è stato Più che positivo. I due gol messi a segno in quattro partite fanno già sperare, ma a convincere è l'atteggiamento in campo dell'elemento. Dopo le prime apparizioni incolori, nelle quali il giocatore sembrava svogliato e fuori dal contesto tattico, contro Siena e Parma Osvaldo è riuscito a trovare la posizione adatta ed i giusti movimenti. Nella partita di ieri sera, oltre allo splendido gol messo a segno di testa, l'attaccante ha dimostrato anche degli ottimi fondamentali in fatto di dribbling e possesso palla. Forse è presto per parlare ma questa volta la Roma sembra aver speso bene i suoi quattrini. A Osvaldo serviva sicuramente un po' di tempo per ambientarsi con la squadra; non scordiamoci infatti che è arrivato nella capitale negli ultimi giorni di mercato. E come lui tanti altri elementi avranno bisogno di tempo per adattarsi agli schemi dell'allenatore e al gioco del campionato italiano. Anche Pjanic, prelevato dal Lione il 31 agosto, sta crescendo partita dopo partita. Jose Angel è qualcosa di Più di una semplice promessa. Lo spagnolo sta disputando delle gare di alto rendimento ed è forse l'elemento che fino ad ora si è meglio adattato al modulo proposto da Luis Enrique.
Osvaldo è felice perché con i suoi gol ha aiutato moltissimo la squadra. Se giovedì scorso il Siena non avesse trovato il gol negli ultimi minuti, la Roma adesso avrebbe sei punti invece di quattro proprio grazie alle due reti messe a segno da Osvaldo nelle ultime due partite di campionato. L'attaccante ha dedicato la marcatura di ieri sera alla famiglia e alle persone che gli vogliono bene. In questa dichiarazione, forse, ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Infatti in queste ultime settimane sono piovute sulla sua testa troppe critiche ingiustificate. Al giocatore non è stato dato nemmeno il tempo di adattarsi e di prendere confidenza con il modulo tattico dell'allenatore. Ma non è servito molto tempo per far ricredere pubblico e giornali. Osvaldo ha dichiarato di non sentire affatto il peso dei 18 milioni spesi dalla Roma per il suo acquisto e afferma di pensare solamente a lavorare bene per conquistare la maglia da titolare. Speriamo veramente che sia così, perché l'umiltà che traspare dalle sue parole è segno di grande forza. Adesso Osvaldo sarà chiamato a una conferma importante contro l'Atalanta e alla definitiva consacrazione nella gara successiva: il derby. Se sarà capace di fare gol alla Lazio, Osvaldo potrebbe diventare il nuovo beniamino del popolo romanista.