Fiducia a tempo per Luis Enrique

Stampa
( 1 Vote )
Calcio - Stagione 2011 - 2012
Sabato 24 Settembre 2011 07:43

luis-allenaNonostante i pessimi risultati ottenuti fino ad ora, la società ha rinnovato la fiducia a Luis Enrique. Ma fino a quando? La sensazione è che  l'asturiano avrà ancora a disposizione tre possibilità: Parma, Atalanta e Lazio.

Se infatti Lucho topperà anche il derby del 16/10, quasi sicuramente verrà cacciato dalla guida della squadra e al suo posto potrebbe arrivare Delio Rossi. La fiducia concessa allo spagnolo non è infinita, e le parole di Thomas Di Benedetto sono solamente frasi di circostanza. La situazione al momento è così grave che ieri, durante l'allenamento con la squadra, Lucho è stato chiamato due volte da Sabatini prima e da Fenucci poi, per avere dei chiarimenti sulla partita di giovedì sera. A Luis Enrique è stato chiesto di vincere la prossima partita contro il Parma a qualunque costo, anche stravolgendo la formazione se necessario. In pratica anche i dirigenti si sono accorti della folle disposizione tattica dei giocatori. L'invito fatto all'allenatore non è altro che una richiesta velata di disporre nel modo dovuto gli uomini a disposizione. E nelle ultime due partite si sono visti troppi elementi giocare fuori ruolo. Per esempio Perrotta da centrocampista è diventato esterno basso a destra. Totti da centravanti è finito a giocare dietro le punte. Borriello e Osvaldo sono due attaccanti centrali riadattati a esterni di attacco. Per non parlare poi di Pjanic, rifinitore nel Lione e intermedio nella Roma, e Gago, centrale adattato a intermedio nella formazione di Luis Enrique.
Lucho quindi ha ancora a sua disposizione poche possibilità: o vince o se ne va. Il tecnico è sotto accusa dopo i deludenti risultati ottenuti dalla sua squadra. Anche il gioco che prometteva faville non ha fatto altro che rendere i tifosi insofferenti a quel possesso palla sterile che non porta al gol. La Roma è riuscita a fare il 66% del possesso palla contro il Siena ma ha produrre solamente cinque palle gol. Gli avversari per contro, hanno prodotto la metà del possesso palla creando il doppio delle occasioni da gol. Questa in sintesi è l'idea di gioco di Luis Enrique.